Gli accordi di qualità


Gli accordi di qualità fra il Caseificio Di Nucci e gli allevatori sono garanzia di un prodotto di qualità eccelsa, con un'attenzione continua, costante e devota al territorio di origine della materia prima.
Da tempo abbiamo scelto di intraprendere con i nostri allevatori un percorso improntato al benessere animale e alla elevata qualità igienica e sensoriale del latte, mirando al miglioramento della nostra filiera zootecnica.
L’attività del Caseificio Di Nucci si basa su accordi di qualità che abbracciano tutta la filiera agricola locale, coinvolgendo gli allevatori- fornitori in un progetto di formazione continua tesa al riconoscimento di una retribuzione del latte proporzionale alla sua qualità.
Analisi costanti sui parametri di legge di proteine, grassi, carica batterica, cellule somatiche ci dicono che il valore di mercato del nostro latte è molto al di sopra della media. Così sosteniamo il reddito dei nostri allevatori con un prezzo del latte che permetta loro di accudire i propri animali e li ripaghi per la purezza e l’eccellenza di una materia prima tutta territoriale.

Benessere animale

Il rispetto del benessere degli animali è il principio cardine della nostra politica aziendale. La produzione di un latte salubre e di alto profilo sensoriale, come quello che quotidianamente raccogliamo e trasformiamo, è infatti in larga parte determinato dallo stato di salute delle bovine.
Negli allevamenti alto-molisani dei nostri fornitori gli animali sono liberi di muoversi in un ambiente costantemente igienizzato e vivono nel pieno rispetto del loro ciclo biologico di lattazione. Durante la rigida stagione invernale le vacche risiedono in stalla, nutrendosi di fieno e granaglie prodotti dai suoli delle stesse aziende agricole; al fiorire delle praterie gli animali seguono l’alimentazione al pascolo, selezionando le specie erbacee preferite e trasferendone tutti gli aromi nel latte.

Igiene e controlli

La salute degli animali è accertata attraverso controlli funzionali capo per capo e la tenuta dei registri di stalla, nel rispetto delle normative cogenti, delle ispezioni dell’autorità sanitaria e dell’Associazione Italiana degli Allevatori (AIA). I controlli sugli allevamenti bovini vengono svolti con cadenza settimanale, sia sugli animali che sul latte. A ciò si abbinano le verifiche ispettive dettate dalle certificazioni volontarie, sui parametri di:
  • sicurezza alimentare (procedure di autocontrollo in stalla, sanificazione della stalla, mungitura, stoccaggio del latte in stalle, qualità microbiologica del latte);
  • rintracciabilità (autoproduzione di alimenti zootecnici, approvvigionamento, somministrazione, modalità di allevamento e gestione degli animali, stato sanitario degli animali).
 

Il risultato della qualità

Il risultato di questo sforzo costante di professionalità e cura è il raggiungimento di un’alta qualità del latte alla stalla, una qualità preservata attraverso la nostra antica metodica casearia, che predilige l’utilizzo del latte crudo.