I colori della poesia dialettale

Al Caseificio Di Nucci, il 10 agosto alle 17.00, le opere della mostra di Ugo Martino ispirano le poesie dei 14 poeti agnonesi.

La poesia della natura dipinta dall’artista Ugo Martino incontra i colori della poesia dialettale per un evento speciale che sarà celebrato nel salone del Museo dell’Arte Casearia e della Transumanza del Caseificio Di Nucci giovedì 10 agosto, alle 17.00.

Un dettaglio della mostra “Ritorno in Molise” di Ugo Martino

Dopo l’inaugurazione della mostra “Ritorno in Molise” – dal 5 al 25 agosto 2018, aperta dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 13.00 e il pomeriggio su richiesta -, il Caseificio Di Nucci continua ad arricchire la sua proposta culturale, fissando il primo evento di un ciclo di appuntamenti nei prossimi anni sul tema dei dialetti. “I colori della poesia dialettale” è il titolo dell’incontro del 10 agosto, un pomeriggio che comincerà con una disquisizione sui vernacoli molisani, parlati dalla montagna al mare. Una rapida analisi dei dialetti molisani tenuta da un appassionato e studioso della materia: Michele Paolantonio, uomo di cultura, già direttore di enti pubblici a livello nazionale e presidente dell’Istituto molisano di studi e ricerche per 15 anni. Domenico Meo, studioso agnonese appassionato di usi, costumi e lingua del territorio altomolisano, tra il folklorico e l’antropologico, ispirandosi alle opere pittoriche di Ugo Martino, darà voce alle parole poetiche dei più importanti poeti dialettali agnonesi. Tali poeti, che hanno avuto l’onore di essere conosciuti dalla ricerca nazionale nel settore, di cui si parlerà durante l’incontro, sono quattordici. Si tratta della poesia agnonese più celebrata. Ma l’occasione sarà interessante anche per conoscere altri possibili poeti. Le singole opere di Ugo Martino diventeranno riferimento per le poesie, con note musicali in sottofondo. Ci sarà, inoltre, un cantante popolare locale, Mario Di Menna, che con la sua voce farà risuonare canti tradizionali a cappella, propri della cultura e della tradizione agricola del territorio.

Un momento dell’inaugurazione della mostra “Ritorno in Molise”

“Il dialetto è la parlata vicino alla natura dell’uomo – spiega Franco Di Nucci – è una lingua identitaria, con tante sfumature tra comuni e località, talvolta vicine. Come se quell’erba della lingua avesse una diversa vita in connubio con il territorio in cui nasce, con colori, qualità erbacee diverse. Vogliamo metterci gli occhiali e vedere questo pezzo della natura impalpabile ma emozionante del linguaggio: i dialetti. Capire cosa ci possono ispirare in questo contesto”.

Il Caseificio Di Nucci alterna per tutta l’estate le visite guidate al laboratorio caseario, le cantine di stagionatura e il Museo, all’esposizione di Ugo Martino “Ritorno in Molise”. Tra le opere in  mostra, il dipinto “In processione con la Madonna di Loreto”, commissionato all’artista dalla famiglia Di Nucci. Nel quadro, la processione dei pastori della Transumanza, che davanti la Chiesa della Madonna di Loreto di Capracotta si salutavano prima di partire con gli animali e si riabbracciavano al ritorno. In primo piano, i volti delle figure della famiglia di Nucci, volti emblematici delle genti della montagna altomolisana. “Un’opera – spiega Antonia Di Nucci che ha curato il catalogo della mostra – che rappresenta anche l’abbraccio con tutti gli antenati e coloro che ci hanno preceduto nel nostro viaggio di famiglia”.

Tutti i protagonisti invitano la cittadinanza e i visitatori a partecipare e a godere di questi eventi particolari.

 

Condividi su:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *